Garanzia Legale dal venditore

La garanzia legale di conformità è prevista dal Codice del Consumo (articoli 128 e ss.) e tutela il consumatore in caso di acquisto di prodotti difettosi, che funzionano male o non rispondono all’uso dichiarato dal venditore o al quale quel bene è generalmente destinato. Il venditore ha l’obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita. Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto quando:

  • sono idonei all’uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo;
  • sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualità del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello;
  • presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull’etichettatura;
  • sono altresì idonei all’uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti.

Nei confronti di chi può essere fatta valere

Il consumatore può far valere i propri diritti in materia di garanzia legale di conformità rivolgendosi al venditore del bene, anche se diverso dal produttore.

Contenuto

In presenza di un vizio di conformità, il consumatore ha diritto, a sua scelta, alla riparazione o sostituzione del bene difettoso da parte del venditore, entro un termine congruo, senza addebito di spese, salvo che il rimedio richiesto sia impossibile o eccessivamente oneroso. Il consumatore può richiedere, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto ove ricorra una delle seguenti situazioni:

  • la riparazione e la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose;
  • il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione entro un termine congruo;
  • la sostituzione o la riparazione hanno comportato notevoli inconvenienti al consumatore.

Durata

La garanzia legale dura due anni dalla consegna del bene e deve essere fatta valere dal consumatore, con una denuncia entro due mesi dalla scoperta del difetto: occorre quindi conservare sempre la prova di acquisto (ricevuta fiscale o scontrino di cui si consiglia di fare subito una fotocopia). Si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data.

Le clausole inserite da professionisti in contratti o condizioni generali di contratto con i consumatori che limitano la durata della garanzia legale o la escludono si presumono vessatorie e possono quindi integrare clausole nulle ai sensi degli articoli 33, comma 2, lettera b), e 36 del Codice del Consumo.

Differenza tra garanzia legale e garanzie convenzionali

Le garanzie convenzionali, gratuite o a pagamento, offerte dal produttore o dal rivenditore, non sostituiscono né limitano quella legale di conformità, rispetto alla quale possono avere invece diversa ampiezza e/o durata. Chiunque offra garanzie convenzionali deve comunque sempre specificare che si tratta di garanzie diverse e aggiuntive rispetto alla garanzia legale di conformità che tutela i consumatori.